sabato 23 agosto 2014

Aspen Institute




L’Aspen Institute rappresenta la principale think tank del potere che riunisce membri di industria, banche, assicurazioni, cultura e politica che pensano per voi ma agiscono esclusivamente per i loro interessi… 


I MEMBRI DELL’ASPEN INSTITUTE ITALIA

■ Giorgio Napolitano
■ Massimo D'Alema
■ Luigi Abete
■ Giuliano Amato (Ex PSI, ULIVO, presidente dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani)
■ Lucia Annunziata (Giornalista e Grande Ufficiale OMRI)
■ Sonia Bonfiglioli■ Giuseppe Cattaneo
■ Fedele Confalonieri
■ Fulvio Conti
■ Maurizio Costa
■ Enrico Tomaso Cucchiani
■ Gianni De Michelis (Partito Socialista)
■ Umberto Eco (Accademico, filosofo, semiologo, linguista e bibliofilo di fama internazionale)
■ John Elkann
■ Jean-Paul Fitoussi (Economista Francese (fa anche parte del C.d.A. di Telecom Italia)
■ Franco Frattini (PDL – Ministro degli Esteri)
■ Gabriele Galatieri di Genola
■ Enrico Letta (PD)
■ Gianni Letta (PDL – Membro dell’Advisory Board di Goldman Sachs è nominato sottosegretario
alla Presidenza del Consiglio del governo Berlusconi nel 2008)
■ Emma Marcegaglia
■ William Mayer
■ Francesco Micheli
■ Paolo Mieli (Presidente RCS Libri, membro del comitato scientifico della Fondazione Italia USA)
■ Mario Monti (Economista e politico italiano. La sua figura di “tecnico” ha spinto qualcuno ad indicarlo come una delle rarissime persone che potrebbero addirittura fare il Presidente del Consiglio con entrambi gli schieramenti. Passato dalla Commissione Europea sulla concorrenza a
Goldman Sachs)
■ Mario Moretti Polegato
■ Lorenzo Ornaghi
■ Riccardo Perissich (Membro della Giunta e del Direttivo di Confindustria e di Assonime,
Consigliere incaricato per il Centro Studi di Assolombarda, Vice Presidente dell’Unione Industriali e delle imprese di Roma, dell’Assoimmobiliare e della Federazione Radio e Televisioni, Consigliere di Amministrazione dell’Enciclopedia Treccani, Consigliere e Membro del Comitato Esecutivo dell’Ispi, Membro dell’International Institute for Strategic Studies di Londra, dell’Istituto Affari Internazionali di Roma)
■ Angelo Maria Petroni (Docente e saggista italiano. Collabora con numerosi quotidiani tra cui Il Sole 24 Ore, Il Giornale, Wall Street Journal ed è membro di diverse società scientifiche e fondazioni come Liberal, Ideazione, Fondazione Italia USA. Attualmente, dal 2007, è anche segretario generale dell’Aspen Institute)
■ Mario Pirani (Giornalista REPUBBLICA), Romano Prodi (PD – Dal 12 settembre 2008 presiede il
Gruppo di lavoro ONU-Unione Africana sulle missioni di peacekeeping in Africa. Il 1 settembre 2008 ha creato la Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli; da consulente Goldman Sachs a Presidente del Consiglio in Italia)
■ Alberto Quadrio Curzio
■ Giuseppe Recchi, 
■ Gianfelice Rocca
■ Cesare Romiti,
■ Paolo Savona (Economista e professore universitario italiano. Da ottobre 2007 è presidente di
Banca di Roma Unicredit)
■ Carlo Scognamiglio (Nel 2007 è stato eletto nella direzione nazionale del ricostituito PartitoLiberale Italiano e, al Congresso Nazionale tenutosi a Roma il 21 giugno 2008, ne viene eletto Presidente, carica che il congresso gli riconferma in occasione del Congresso del 2009)
■ Lucio Stanca (Politico italiano, ministro per l’Innovazione e le Tecnologie nel secondo e terzo
Governo Berlusconi)
■ Giulio Tremonti (Dall’8 maggio 2008 ricopre la carica di Ministro dell’Economia e delle Finanze
nel Governo Berlusconi IV)
■ Beatrice Trussardi
■ Giuliano Urbani (Politologo italiano, ex ministro è stato uno dei fondatori di Forza Italia)
■ Giacomo Vaciago (Docente italiano, ordinario di Politica Economica e direttore dell’Istituto di
Economia e Finanza nell’Università Cattolica di Milano)
■ Giuseppe Vita
■ Elena Zambon

ORGANI DIRETTIVI: 

Presidenti Onorari
■ Cesare Romiti
■ Carlo Scognamiglio
■ Giuliano Amato
■ Gianni De Michelis

Presidente
■ Giulio Tremonti
Vice Presidenti
■ John Elkann
■ Enrico Letta
■ Paolo Savona
■ Lucio Stanca

Segretario Generale
■ Angelo Maria Petroni

Direttore Aspenia
■ Marta Dassù

Direttore Responsabile Aspenia
■ Lucia Annunziata
Consigliere del Presidente
■ Giuseppe Cattaneo 

Direttore Amministrativo
■ Adelia Lovati

L’Aspen Institute è un’organizzazione internazionale no profit, fondata nel 1950 da un gruppo di intellettuali e uomini d’affari americani convinti della necessità di rilanciare il dialogo, la conoscenza e i valori umanistici in una realtà geopolitica complessa e in continua evoluzione. Il fine ultimo è incoraggiare le leadership illuminate, le idee e i valori senza tempo e il dialogo sui problemi contemporanei. L’istituto e i suoi partners internazionali perseguono la creazione di un terreno comune di comprensione approfondita in uno scenario non ideologizzato attraverso seminari, programmi culturali, conferenze e iniziative di promozione della leadership. La sede centrale ufficiale è a Washington D.C., ma vi sono dei campus di riferimento ad Aspen, nel Colorado, e a Chesapeake Bay, nel Maryland. Negli anni si è formata una rete internazionale che ha visto la rapida ramificazione dell’istituto in giro per il mondo: Berlino, Roma, Lione, Tokyo, Nuova Delhi e Bucarest etc. 
L’Aspen Institute è finanziato da fondazioni come la Carnegie Corporation, la Rockefeller Brothers Found e la Ford Foundation, attraverso quote di iscrizione a seminari e donazioni individuali. 
Tra i suoi affiliati ci sono leader della politica, dell’economia e intellettuali. Attualmente Walter Isaacson è il suo presidente mondiale e CEO.

Vi domanderete: chi è costui? E’ l’ex presidente della CNN(1), il canale televisivo statunitense più potente e conosciuto al mondo. Pensate che quest’uomo ha rinunciato ad una delle poltrone più ambite del pianeta pur di sedere in cima all’Aspen Institute. Da un episodio del genere possiamo dedurre la planetaria importanza di questa organizzazione. Quello che interessa noi, in questo delicato momento socio-politico che sta attraversando l’Italia, è la sede italiana di questo indefinibile istituto di origine statunitense. Scavando tra i meandri del potere e risalendo i fili dei burattini, forse, avremo una possibilità di scovare la matrice dell’inganno democratico in cui siamo stati imprigionati.

ASPEN INSTITUTE ITALIA

L’organizzazione, ufficialmente inizia ad operare sul territorio italiano nel 1984. Di forte caratterizzazione transatlantica (del resto la storia parla da sé) l’Aspen Institute Italia ha due sedi: a Roma in Via SS. Apostoli 49, e a Milano in Via Vincenzo Monti 12. L’attuale presidente della sezione italiane è Giulio Tremonti, Ministro dell’Economia e della Finanza dell’attuale Governo italiano. L’Aspen Institute Italia riunisce il meglio dell’industria italiana, delle banche e delle
assicurazioni, della cultura e della politica, non c’è settore che manchi all’appello: Generali, Fincantieri, Confindustria, la Rai, Mediaset, Pirelli, Poste Italiane, società Autostrade, Enel, Fiat, etc.
E’ un elenco incredibile, tutti i capitali italiani, di ogni settore, convergono nell’Aspen Institute come Soci sostenitori. I loro (nostri?) danari, versati ufficialmente tramite una somma annuale uguale per tutti, finanziano le attività dell’organizzazione. Chi sono i soci sostenitori? Sono quelli che mettono i soldi e vengono ammessi a far parte dell’associazione dal Comitato Esecutivo e sono rappresentati nel Consiglio Generale dell’Istituto dai propri Presidenti, Amministratori Delegati o Direttori Generali. 

Inoltre ci sono anche i cosiddetti Soci ordinari, personalità italiane e internazionali provenienti dal mondo accademico, politico, culturale e dei media, che sono chiamati a far parte dell’associazione dal Comitato Esecutivo, ufficialmente, per la loro fama accademica ed eccellenza professionale. Si legge sul sito italiano che essi “mettono a disposizione dell’Istituto la loro competenza e contribuiscono così alla qualità intellettuale e al patrimonio di idee dei programmi di Aspen, collaborando in forma gratuita alle diverse iniziative. Partecipano, tra l’altro, a gruppi di lavoro e task force che affrontano specifici problemi del panorama politico ed economico
internazionale”. Insomma, questi soci non solo portano avanti le loro idee, ma si rendono disponibili ad appoggiare eventi specifici “su tematiche di rilevante interesse strategico”. Ma che significa? Che
hanno il potere di veicolare le politiche del paese? Dando un’occhiata ai nomi dei soci ordinari
(Enrico Letta, Mario Draghi, Giorgio Napolitano, Romano Prodi, Massimo D’Alema, Fedele Confalonieri, Lucia Annunziata, Paolo Mieli, Francesco Caltagirone, Cesare Geronzi, Franco Frattini, Gianfranco Fini, Gianni Letta, Luca Montezemolo, Sergio Marchionne, Emma Marcegaglia, Tommaso Padoa Schioppa, Giuliano Amato, John Elkann, Lucio Stanca etc.), più che una fantasiosa supposizione, è la palese oggettività. Non sono certo le “allegre comari di Windsor! 

Ciò che dico è manifesto, ogni frase presente sul sito ha un che di vago, di generalizzato, di palesemente fuorviante, sembra un “doppio sogno”, con la sola differenza che non è un romanzo di Schnitzler ma la realtà. Il portale dell’organizzazione è ben strutturato, e le fondamenta della Comunità Aspen sono esaltate e messe in bella mostra.
Ecco come presentano la loro “identità” e la loro “missione”:

“Aspen Institute Italia è un’associazione privata, indipendente, internazionale, apartitica e senza fini di lucro caratterizzata dall’approfondimento, la discussione, lo scambio di conoscenze,
informazioni e valori”.

Una congregazione di supereroi che lottano per un mondo migliore. Persone sensibili e lungimiranti che, lontani dalle tentazioni del dio denaro, dirigono il pianeta verso la fratellanza e l’uguaglianza sociale. Un gruppo di illuminati che si scambiano preziose nozioni con l’obiettivo rispettabilissimo di sconfiggere i mali che affliggono questa martoriata terra.
“La comunità Aspen è composta di Soci Sostenitori, Soci Ordinari, Amici di Aspen e, dal 2001, dagli Aspen Junior Fellows. Dai loro contributi l’Istituto trae le risorse necessarie per il proprio funzionamento. Il network internazionale Aspen è composto da altri centri di attività (indipendenti ma coordinati) con sedi negli Stati Uniti, in Francia, Germania, Giappone, India e Romania. 
La missione di Aspen Institute Italia è l’internazionalizzazione della leadership imprenditoriale, politica e culturale del Paese attraverso un libero confronto tra idee e provenienze diverse per identificare e promuovere valori, conoscenze e interessi comuni. L’Istituto concentra la propria attenzione verso i problemi e le sfide più attuali della politica, dell’economia, della cultura e della società, con un’attenzione particolare alla business community italiana e internazionale“.

Riuniti liberamente e senza condizionamenti, qui, le persone possono dar sfogo al loro libero pensiero e scatenare la forza creatrice dell’ingegnosa menta umana. Ora mi volete far credere che tutta questa marmaglia di uomini politici, alta finanza e chi più ne ha più ne metta, non discuta minimamente della politica nostrana? A me sembra inevitabile, anzi ad essere cattivo mi verrebbe da dire che sia lo scopo principale di quest’organizzazione. Dirigere nelle retrovie del clamore mediatico le sorti economiche e sociali del paese, imponendo politiche ad hoc per tutelare il potere dei veri padroni, a discapito della popolazione, che, ricordiamolo, è all’oscuro di tutto. Ergo, immagino che queste armoniose discussioni possano facilmente condizionare o quanto meno influenzare la politica dell’esecutivo, di qualunque schieramento esso sia. Hanno anche un metodo con cui applicano la loro “mission”, da loro stessi identificato come “metodo Aspen”. Questo “privilegia il confronto ed il dibattito ‘a porte chiuse’, favorisce le relazioni interpersonali e consente un effettivo aggiornamento dei temi in discussione. Attorno al tavolo Aspen discutono leader del mondo industriale, economico, finanziario, politico, sociale e culturale in condizioni di assoluta riservatezza e di libertà espressiva”. Il dibattito a porte chiuse è noto come uno dei migliori metodi per curare le piaghe di questo mondo crudele. Libertà di pensiero a porte chiuse, bel modo di perpetrare il bene comune. Se solo ci avessimo pensato prima! Loro sono gli illuminati e ci hanno pensato molto tempo fa, pochi anni dopo la fine della Grande Guerra, e così sono stati in grado di dirigere le sorti di nazioni intere. Alcuni complottisti lo definiscono Nuovo Ordine Mondiale. Bene, credo che l’Aspen sia una delle organizzazioni che fanno capo al progetto citato.

“Lo scopo non è quello di trovare risposte unanimi o semplicemente rassicuranti, ma di evidenziare la complessità dei fenomeni del mondo contemporaneo e incoraggiare quell’approfondimento culturale da cui emergano valori ed ideali universali capaci di ispirare una leadership moderna e consapevole“.

La leadership che intendono loro è la dittatura totalitaria del Nuovo Ordine Mondiale, controllo tramite la paura, una sola neolingua, una sola moneta, un’umanità di automi ubbidienti e servili, oltre lo schiavismo. Uomini-robot, uomini macchine, nati per produrre e consumare, carne da macello per l’incremento del Pil.
Miguel Martinez ha definito l’Aspen Institute, per questa sua aleatorità comunicativa, come una fabbrica di tritanuvole. Questo evidente e premeditato abuso di vacuità e la sua neanche tanto occulta organizzazione piramidale, mi insospettisce, e non poco. Non ho mai sentito parlare nessun alfiere della libera informazione dell’Aspen Institute, ne ho letto libri rivoluzionari che illustrassero agli italiani beoti come si muovono i burattinai nelle retrovie. Credo che mai e poi mai nei vari “vieni via con me” sentiremo un’arringa che possa risvegliare minimamente il cervello dell’italiano medio.
Dormite gente, e sognate con i vostri Travaglio, Saviano, Santoro etc. Insomma questo Aspen sembra un bel minestrone all’Italiana, un inciucio elevato alla vaghezza. Il punto è che Aspen non è
propriamente un’associazione umanitaria, non fa beneficenza ed è lecito pensare che persone del calibro dei suoi membri non si riuniscano soltanto per scambiare quattro chiacchiere sui massimi
sistemi o per ricercare la panacea di tutti i mali. 

C’è dell’altro, lo si intuisce, ma è difficile penetrare la discreta cortina che protegge quel salotto buono dagli sguardi indiscreti e dai sorrisi bipartisan. Nel contempo non è un’associazione segreta, i suoi membri sono conosciuti e chiunque voglia avere informazione sull’Aspen Institute non ha che da andare sul sito internet. Non è la massoneria ma le somiglia molto, mancano capucci e compassi ma il livello di segretezza al di là della formale apparenza è da veri professionisti del potere.

COME SI DIVENTA MEMBRI DELL’ASPEN INSTITUTE? 

E’ una domanda lecita, che dopo aver letto un po’ di roba, dovrebbe sorgere spontanea. Allora ancora una volta sono ricorso al sito web italiano dell’organizzazione, per la serie se vuoi nascondere
qualcosa mettila in bella mostra, davanti agli occhi di tutti, tanto, vista l’ottusità generale, passerà tranquillamente inosservata. Parto dal gradino più basso dell’organigramma piramidale, dalle new
entries, cioè i giovani, chiamati “Junior Fellows”. Sul sito vi è scritto che:
“Gli Aspen Junior Fellows sono un network internazionale di giovani ad alto potenziale formato dai ragazzi che hanno preso parte ai progetti “Aspen per la Nuova Leadership” nel 1999 e nel 2001, a
cui sono aggiunti 22 nuovi membri nel 2004”.
Come abbiano fatto questi fortunati ragazzi a partecipare a questi progetti non è spiegato. I requisiti richiesti sono basilari, ma se non sei segnalato da un socio dell’Aspen Institute la possibilità di entrare a far parte della famiglia sono pressoché nulle. E’ chiaro che l’Aspen non è roba per tutti.
Come pure è evidente che non si tratta di corsi di formazione regionali a cui noi comuni mortali possiamo prendere parte. Non ho letto di bandi del genere, non mi sarebbe sfuggito. Qui, forgiano e
plasmano la classe dirigente del futuro, allevano con dosi massicce di “pappa reale” veri e propri rampolli, predestinati, di “sangue puro” che erediteranno, come le dinastie di un tempo, le sorti del mondo. Poco democratico direi! Non vorrei risultare allarmate ma qui le cose quadrano sempre meno.

CONCLUSIONI

Ho consultato svariato materiale sull’Aspen Institute, c’è tanto da leggere ed è tutto molto inquietante: Bilderberg, Commissione Trilaterale, Club of Rome, CFR etc. Affiorano sempre gli stessi nomi. Saranno coincidenze, preferisco passare per paranoico, ma io non ho mai creduto alle coincidenze. La verità è che siamo stati ingannati, ed oggi ci sono le prove. Ci hanno fatto credere che potevamo essere padroni del nostro destino delegando ad altri le nostre speranze, chiudendoci in una cabina a scegliere prima fantocci e poi simboli senza significato. Ci hanno incantato per anni, con dibattiti, liti, parapiglia mediatici e comizi deliranti, ci hanno mostrato due facce della stessa medaglia, e gli hanno dato nomi e ideologie veicolanti. L’alfa e l’omega, la destra e la sinistra,
solo fandonie! Ci hanno dato l’apparenza democratica tramite la messa in scena di due finti schieramenti, in eterna lotta tra loro. Ci hanno fatto credere di essere liberi perché potevamo scegliere tra il burattino rosso e il burattino nero: CAZZATE! Mentre noi eravamo impegnati a dividerci e scannarci in nome di una illusione. Mentre eravamo intenti a sputarci merda l’un l’altro sulle grandi astrazioni, questi personaggi hanno complottato nei retroscena nazionali le loro politiche contro il bene comune. Ci hanno prosciugato di tutto e ci hanno reso un popolo schiavo, servile e peggio ancora fiero di esserlo. La metamorfosi subita della società italiota (e non solo) è stata lenta ma inesorabile. Siamo dei selvaggi, ignoranti, vuoti, arroganti, e meschini. 

E anche ora che la verità è sotto i nostri occhi, non ce ne rendiamo conto, troppo indaffarati nell’inutilità, nell’apparenza, nel consumo sfrenato di questa finta civiltà progredita. Hanno già deciso il nostro futuro: rifiuti, nucleare, energie rinnovabili, scuola, lavoro etc. Noi siamo spettatori inermi e paganti. La nostra unica forma di rivalsa non violenta, sarebbe l’astensione in massa dalle urne e il boicottaggio di questa insulsa farsa. Mi chiedo dove sono i paladini dell’informazione, quelli che ci raccontano le storielle magiche, quelli che ci parlano dell’orco cattivo, dell’uomo nero, dove sono quelli che fanno la “televisione alternativa”, spacciandola come cultura, con i soldi della casa produttrice (Endemol(2)) del tanto odiato nemico (Silvio Berlusconi)? Sono maschere, commedianti che hanno esaurito il loro canovaccio, si mostrano cavalieri ma sono giullari nell’animo. Le riuscite a sentire le sbarre intorno a voi? Sono prigioni immaginarie, erette nelle nostre deboli menti, con il solo scopo di manovrarci e renderci docili. Questa democrazia è il regime dell’Aspen Institute, qualsiasi burattino scegliamo, esso farà gli interessi dell’organizzazione e attuerà le linea guida, anzi, il programma politico dettato dalla Comunità Aspen. Plasmerà l’opinione pubblica convincendola che queste nuove politiche siano le migliori possibili per la felicità e la ricchezza dell’intera popolazione. Che la favola continui…! Sapete quel’è il motto dell’Aspen Institute? Appare anche sul logo dell’organizzazione:

“Timeless values, enlightened leadership” ovvero “Valori senza tempo e leadership illuminata“

Certo è che non lascia nessuno spazio all’immaginazione. Traete le vostre conclusioni, però ora non potete dire di non sapere. Avete visto quant’è profonda la tana del bianconiglio?

1 – La CNN Ha una sede anche in Italia, dove si appoggia al gruppo editoriale L’Espresso S.p.a., cui azionista di maggioranza è De Benedetti, che controlla una parte non indifferente del potere
mediatico italiano. A proposito di media, sapete chi è uno dei giornalisti di matrice CNN in Italia?
Alessio Vinci, il tipo che ha preso il posto di Mentana nella conduzione della tramissione Matrix (in effetti quel “thank you, good night and see you soon” che recita alla fine di ogni puntata, doveva averlo sentito da qualche parte…?).

2 – Endemol è una società produttrici di format televisivi controllata di Mediaset, ergo dalla famiglia Berlusconi. In questi giorni infuria la polemica tra l’attuale Governo in carica di Re Silvio e la trasmissione condotta da Fazio e Saviano “Vieni via con me” rea di essere apertamente schierata con l’opposizione. Tanto clamore solo per fare pubblicità al format e ometterà, ancora una volta, la verità. E’ tutto finto. I vostri condottieri della libera informazione e della cultura italiota sono nel libro paga del regime.

Altri importanti esponenti del passato furono:

■ Alberto Bombassei
■ Francesco Caltagirone
■ Francesco Cossiga
■ Pietro Ferrero
■ Cesare Geronzi
■ Pietro Gnudi
■ Mario Greco
■ Gian Maria Gros-Pietro
■ Tommaso Padoa-Schioppa
■ Corrado Passera
■ Roberto Poli




Nessun commento:

Posta un commento