lunedì 18 settembre 2017

Wall street manipola i prezzi del barile e degli altri mercati




Criminalita' finanziaria: Wall street manipola i prezzi del barile e degli altri mercati. 

JP Morgan manipolava i mercati energetici in California e nel Midwest degli Stati Uniti ottenendo decine di milioni di dollari in pagamenti eccessivi dagli operatori di rete negli anni 2010 e 2011.
Secondo il sito 'Global Research', Wall Street manipola il prezzo di qualsiasi altro mercato, sia nel settore finanziario che nell'economia reale.

Alcuni esperti ritengono che Wall Street sta cercando di rilanciare la seconda società energetica Enron, fallita nel 2001 e accusata di frodi aziendali pianificate, per cui il prezzo dell'energia elettrica schizzerebbe sotto il nuovo 'gioco' degli ingegneri finanziari, pubblicato ''Global Research".

Il sito web ha detto che Wall Street manipola anche i tassi di interesse, e che le multe globali dei creditori per tali attività ha raggiunto 6.000 milioni di dollari da Giugno 2012.

Alcuni analisti ritengono che le grandi banche continueranno a manipolare i mercati "fino a quando i suoi dirigenti verranno gettati in prigione", dato che il sistema lavora in modo da permettere agli istituti finanziari di commettere frodi in modo continuo e massiccio per poi pagare piccole multe come il "costo di fare business".

A causa di questa mancanza di supervisione, la manipolazione non si limita solo ai tassi d’interesse, ma succede lo stesso con i mercati di divise, i derivati, il prezzo del petrolio, l’oro e l’argento.

Inoltre, le grandi banche e le agenzie governative hanno cospirato per manipolare i prezzi delle materie prime per decenni. In questo modo, le banche si stanno appropriando degli aspetti importanti dell'economia fisica, tra cui l'estrazione dell'uranio, prodotti petroliferi, alluminio ed elettricità.



Nessun commento:

Posta un commento